lunedì 20 febbraio 2012

VAL VENEGIA

.MISTERIOSA,AFFASCINANTE,INTRIGANTE,ELEGANTE,MISTICA.NON AVREI ALTRI AGGETTIVI PER DEFINIRE QUESTA VALLE DOMINATA DALLE CIME IMPONENTI DELLE PALE.NON SAPREI DEFINIRMI FORTUNATA O SFORTUNATA NELL'AVER PERCORSO QUESTA VALLE SOTTO UNA FITTA NEVICATA...DA UNA PARTE E' MANCATO COMPLETAMENTE LO SCENARIO DALL'ALTRA CIASPOLARE NEL SILENZIO OVATTATO DELLA FITTA NEVICATA HA DATO GRANDI EMOZIONI.IO,GIANNA,SIMO E SUO MARITO GIUSEPPE ACCOMPAGNATI DALLA GUIDA PIERO NONCHE' GESTORE DELL'HOTEL ALPINO DI SAN MARTINO NEL PERCORRERE QUESTA VALLE ABBIAMO AVUTO ANCHE IL PIACERE DI VEDERE PASSARE MAMMA CAMOSCIA E IL SUO PICCOLO.LA VAL VENEGIA PRENDE IL NOME DALLA REPUBBLICA VENETA CHE PRENDEVA I LEGNI DI QUESTA VALLE PER COSTRUIRE LE SUE NAVI;E INOLTRE DAI LEGNI DEI QUESTA FORESTA SI RICAVAVANO I MATERIALI PER I VIOLINI DI STRADIVARI.AVREMMO DOVUTO PERCORRERE L'ANELLO CHE CI AVREBBE CONDOTTO ALLA BAITA SEGANTINI MA CAUSA FITTA NEBBIA SOTTO UNA FANTASTICA NEVICATA,CI SIAMO DOVUTI FERMARE ALLA MALGA VENEGIOTTA E TORNARE SUI NOSTRI PASSI E FERMARCI ALLA MALGA VENEGIA.QUI CI SIAMO CONSOLATI RIFOCILLANDOCI CON UN GUSTOSO E SUCCOLENTO PRANZO.




















LA PARTENZA AVVIENE DAL PARCHEGGIO DEL PIAN DEI CASONI NEI PRESSI DEL BIVIO PASSO VALLES;IL GRANDE PIERO INVECE DI INTRAPRENDERE LO STRADELLO AL BIVIO CI FA GIRARE A SX DANDOCI LA FANSTATICA EMOZIONE DI APRIRE IL SENTIERO CON LA NEVE CHE SI APPOGGIAVA DOLCEMENTE SULLE NOSTRE GIACCHE...PICCOLI GNOMI CHE SI ADDENTRAVANO NEL BOSCO DI ABETI ROSSI E BIANCHI OSSERVANDO IL FENOMENO DEGLI ALBERI DA UN 'UNICA RADICE MA CON 2 TRONCHI.IN BREVE GIUNGIAMO SULLO STRADELLO LASCIATO IN PRECEDENZA E CI SIAMO INCAMMINATI SULL'IMMENSO PIANORO DELLA VALLE SULLA QUALE ERA CALATO UN SIPARIO BIANCO:UN SILENZIO MAGICO INTERROTTO SOLO DAL CALPESTIO DELLE CIASPOLE.CON UNA VOLUTA LENTA MARCIA PER NON INTERROMPERE QUEL FIABESCO SCENARIO ESALTATO DAL VARIEGATO COLORE DELLE CIASPOLE,SIAMO GIUNTI ALLA MALGA VENAGIOTTA.PURTROPPO,COME GIA' DETTO LE AVVERSE CONDIZIONI ATMOSFERICHE CI HA IMPEDITO DI PROSEGUIRE,MA DA QUI ,COME DA SENTIERISTICA PARTE LO STRADELLO PER LA BAITA SEGANTINI.

Nessun commento:

Posta un commento