domenica 15 aprile 2012

I CASTELLI DEL CHIANTI

Chi mai oserebbe uscire dalla propria casetta confortata mentre e' in atto un diluvio?????Risposta sintetica ma indubbiamente efficace"NESSUNO"!!!!!
Sbagliatissimo perche' la certezza non esiste:2 pazze scatenate a giro si possono sempre trovare:Gianna e Anna!!!!Gia' in una precedente escursione dopo essere riuscite a venire fuori da una situazione un po' complicata,un baldo giovine alla nostra vista ha esclamato"ma in una giornata da lupi,che fate???? e noi"le lupe"!!!!!.
Ecco queste siamo noi,quando decidiamo di camminare,nulla ci ferma.....anche se ultimamente eravamo state piuttosto fortunate avendo trovato sempre giornate di sole:forse il nostro Luciano e Marisa ieri erano impegnati altrove.....


Ieri 14 Aprile con tutta la pioggia l'escursione ha avuto il suo fascino e i selciati medievali tra Sezzate e Cintoia con il loro grigio scuro esaltavano il verde di un bosco all'inizio di una nuova avventura primaverile.
Giunte in localita' LA PANCA abbiamo deciso di sostare e qui abbiaqmo avuto la fortuna di trovare aperta la Pizzeria IL CIELO e nonostante l'orario un po' balordo le due Signore ci hanno accolto con molta cordialita' e vedendoci un po' bagnate hanno avuto l'accortezza di accenderci la stufa,mettersi a nostra dispozione preparandoci dei fantastici panini.
A proposito di panini,la mia amica Gianna a questo giro non ha potuto brontolarmi sul numero dei panini mangiati da me medesima :solo 1!!!!!!!!
Ammetto pero' che a casa prima di mettermi in cammino mi ero offerta volontaria nell'assaggiare le polpette cucinate da una cuoca fantastica:mia madre che ancora oggi cucina da DIO!!!!
E proprio uscendo dalla pizzeria che siamo state fermate da un simpatico signore che si e' rivolto a noi in lingua straniera"What are you doing??It's raining!!!!" E noi seraficamente abbiamo risposto che eravam di Scandicci......
DISLIVELLO COMPLESSIVO=450 MT IN SALITA
LUNGHEZZA PERCORSO=13 KM
TEMPO DI PERCORRENZA=4 ORE ESCLUSE LE SOSTE
                             DESCRIZIONE PERCORSO
Il percorso ben segnato si svolge tra la valle del Rio Sezzate e quella di Greve e attraversa zone di pregio naturalistico e architettonico:notevoli sono i resti del selciato medievale tra Sezzate e Cintoia.
Lascita la macchina al Castello di Mugnana,seguendo i segnavia 18"LA PANCA",si inizia a scendere lungo un a carrareccia in notevole pendenza resa ancora piu' malagevole dalla presenza di rami e tronchi d'alberi e in breve si giunge al mulino di Sezzate ridotto in rovina ma ancora in grado di suscitare emozioni per la sua posizione:non a caso ai tempi che furono rappresentava il passaggio di frontiera tra Mugnana e Sezzate.
Risalita la valletta siamo giunte al castello di Sezzate non visitabile che si erge difronte a Mugnana con una vallata di olivi e bosco mediterrraneo che ci hanno accompagnato per tutto il percorso.









Sempre seguendo i segnavia,su stradella si raggiunge CASA FILICAIA e da qui per ampia mulattiera di epoca romana lungo un ambiente boscoso con mulini diroccati,si perviene nei pressi di un antico ponte "Rio Sezzate" sulla cui sx c'e' una piccola forra con cascatelle.



Si prosegue in salita e dopo aver attraversato il fiume nei pressi di un mulino adibito a BED AND BREAKFAST,dopo un tratto in piano si perviene alla strada asfaltata che in salita porta al Castello di Cintoia,anch'esso non visitabile e al suo borgo recentemente ristrutturato.



Superato l'arco del borgo,troviamo un cartello indicante che alla localita' LA PANCA mancano 1,900 km e sono tutti in notevole ascesa in un bosco di erica e ginestra in fiore:dopo circa 20 minuti si perviene al bivio per l'abbazia di Montescalari(sulla DX) e il sentiero 18 si unisce allo "00" e su stradello forestale in breve si giunge alla localita' "LA PANCA".Da Mugnana a qui sono passate 2 ore comprese le soste.
Attraversato il borgo,abbiamo proseguito sempre sul sentiero di crinale in un bosco di castagni fino alla radura di Casa al Monte in abbandono ed e' anche il punto piu' alto dell'escursione (650 mt):poco dopo lasciato il bivio per l'abbazia SGIUSTO si va verso dx e attraversa in discesa una zona particolare:infatti la terra e' rossa  per la sua ricchezza di minerali.



Dopo circa 2 ore sempre accompagnate dalla pioggia,siamo arrivate all'asfalto al km 3,100 e dopo circa 200 mt al castello dove avevamo lasciato la macchina.:Per fortuna siamo pazze ma previdenti:infatti vedendo il tempo avevamo lasciato in macchina un cambio....CIAO ALLA PROSSIMA ESCURSIONE!!!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento