lunedì 17 febbraio 2014

CALVANA RIO BUTI 15 FEBBRAIO 2014

No sole,no ciaspole e ancora una volta il tempo condiziona il trio che pero' logicamente tira fuori dal cappello magico del trekking un ennesimo giro in Calvana alla scoperta della zona dellle Grotte del Rio Buti,gioiello dell'Appennino Pratese.
SULLO STERRATO DI SAN LEONARDO


UNA FIORITURA ANOMALA

CHE VORRA DIRE????

SEGNALETICA DEL SENTIERO

Complici le abbondanti piogge di quest'anno,il corso di questo rio e' notevolmente fragoroso e cosi lo spettacolo alle Cascate del Rio hanno assunto un aspetto inconsueto:purtroppo pero' non siamo potute andare alla scoperta della Fonte Buia dal momento che non avevamo nulla per poter scendere in assoluta sicurezza in grotta
ELLEBORO


MAMMOLA

SUL SENTIERO

QUERCIA
.
Il giro da noi effettuato puo' essere notevolmente allungato e l'ascesa da Foce ai Cerri al Cantagrilli,massima elevazione della Calvana con relativo cammino sul crinale e rientro da Casa Bastione merita di essere effettuato sia per la panoramicita',sia per la varieta' di ambienti che si attraversa.
La macchina puo' essere lasciata sia a Gamberame,sia a San Leonardo borgo ristrutturato sulla collina sopra Vaiano e posto in posizione panoramicissima con il crinale di fronte del Curzio Malaparte.
SEGNAVIA CAI


FUNGO DEL LEGNO

PINETA MISTA A CIPRESSETA

SEGNAVIA CAI

CHE VORRA' ANCORA???

B/N PER IL CRINALE DELLA CALVANA

PARLANO
DONNA GIANNA

Avendo noi pero' a disposizione solo il pomeriggio,abbiamo lasciato la macchina a San Leonardo accorciando il giro di quasi 40 minuti in salita e risparmiato un dislivello di 200 mt e cosi' per una volta ho accontentato le mie vittime sopratutto la Donna Carla che in mattinata si era sparata una camminata di 2 ore con 300 mt di dislivello....
DESCRIZIONE TECNICA=
LUNGHEZZA=10 KM
TEMPO IMPIEGATO=3 ORE
DISLIVELLO=320 MT
SENTIERI PERCORSI= 42,40,24,42
DESCRIZIONE PERCORSO
Lasciata la macchina al termine dell'asfalto con il borgo ristrutturato recentemente e adagiato su una posizione panoramica e circondato da olivi,abbiamo percorso poche centinaia di metri che abbiamo trovato subito i segnavia Cai Prato che salivano da Gamberame e subito dopo i cartelli indicanti le direzioni:noi siamo andati sul 42 inerpicandoci lungo il bosco sovrastante.
A dx abbiamo lasciato il sentiero 24 per le Grotte del Rio Buti che,come gia' detto,percorreremo al ritorno;si segue a lungo,fra bassa vegetazione e bellissimi panorami,la cresta della Collina di San Leonardo piuttosto roccosa ma mai scivolosa.
Dopo circa 1 ora la vegetazione collinare lascia il posto a un bosco di pini e cipressi e qui termina il tratto in salita e procede con un andamento di falsopiano con diversi tronchi da saltare a causa delle piogge e dei tagli cedui.
LUNGO IL 40 CON IL RIO BUTI SULLA DX


SELCIATO

MUSCHIO DEL TRONCO

E ORA CHE GUARDERA'????

Una brevissima salita ci annuncia che stiamo per incrociare lo sterrato che sale da Faltugnano e i segnavia ci indicano che siamo sul sentiero della Volpe e che siamo ormai in vista di Foce ai Cerri.
Sono trascorsi quasi 75 minuti e ora un comodo stradello forestale ci accompagna fino al bivio con il sentiero 40 con davanti ai nostri occhi il superbo bastione della Calvana sul quale spicca la Croce del Cantagrilli.
Foce a Cerri rappresenta un punto di snodo fondamentale per la Calvana:da qui e' possibile con il sentiero 20 andare sul Monte Maggiore e poi proseguire per Montecuccoli,oppure salire sul Cantagrilli e scendere per la Retaia ai Cappuccini di Prato.
Noi abbiamo preso sulla dx il sentiero 40 il cui cartello indica "Fonte Buia-50 minuti":questa e' l'antica Via di Valibona che permetteva alle carovane di muli,ai cavalieri e ai viandanti di salire da Prato verso l'Appennino con regolare ascesa.
E in effetti il cammino nonostante si scenda fino al bivio successivo di quasi 300 mt,e' piacevole anche perche' accompagnato dal corso del Rio Buti che offre pure lo spettacolo di piccole forre e cascatelle con un'acqua assai limpida,il sentiero conseva ancora dei tratti di lastricato e dei muri a secco ridondanti di muschi come i tronchi della vegetazione abbarbicata sulle pendici della Calvana.
RIO BUTI


PRIMULA ODOROSA

MUSCHIO

BIVIO PER LA CASCATA

CASCATA RIO BUTI
Dopo 40 minuti troviamo il bivio del 24 che viene da Casa Rossa e scende sulla nostra dx alla Cascate del Rio Buti e Fonte Buia:noi lasciamo il sentiero 40 e andiamo sul 24 e dopo aver fatto il guado del rio non senza pero' rimanere impressionati dalla Cascata e dall'ambiente,abbiamo costeggiato in lieve ascesa la sovrastante collina di San Leonardo e lungo un filare di cipressi in piena fioritura siamo arrivati velocemente al bivio con il 40 e proseguendo sulla dx con un superbo tramonto di fronte a noi,siamo ritornate alla macchina.

Nessun commento:

Posta un commento