venerdì 22 maggio 2015

ANELLO MONTE FORATO 18 MAGGIO 2015

Ed eccoci a Fornovolasco,piacevole paesino della Garfagnana posto alle pendici della Pania della Croce,visibile,vedifoto, dalla piazzeta ed e' attraversata dalle acque delle Turrite che scorrendo lungo il paesino,forma delle spiaggete di basamenti pietrosi.
Da Firenze si percorre l'autostrada fino ad Altopascio e da qui si seguono le indicazioni per Castelnuovo Garfagnana.Giunti a Gallicano,giriamo a dx seguendo le 


indicazioni per Grotta del Vento:da Firenze la distanza e' di 110 km.
Le indicazioni partono subito nella piazzetta del paese e attraversato il ponte,andiamo lungo la stradina che costeggia il fiume e passato sotto un arco,il sentiero lascia l'asfalto e si addentra nella macchia sempre lungo l'impetuoso corso della Turrite.
FORNOVOLASCO



Corso del torrente della Turrite che forma piacevoli angoli per gustare il panorama della Pania e dell'Arco del Forato da qui visibili.
Quando il sentiero rientra nella strada che porta alla Grotta del Vento,troviamo i cartelli dei sentieri 6,12,130:quest'ultimo lo percorreremo in discesa.
Dal paese a qui abbiamo percorso 1 km e 500 mt.Noi seguiamo le indicazioni per Foce di Petrosciana  e per circa un altro km il sentiero 6 e 12 viaggeranno insieme.
Il sentiero fino alla Foce non presenta alcuna difficolta' e si snoda all'interno di un bosco
dapprima di castagni e faggeta poi con una piacevolissima ombra.Spesso attraverseremo il torrente del Cariglione in secca dal momento che ne sono state deviate le acque.Nota dolente del percorso e' che praticamente ritroveremo una fonte,poco prima di arrivare al paese e di conseguenza conviene avere una buona scorta di acqua.

Eccoci al bivio doev il sentiero 6 si stacca dal 12 che va verso Foce di Valli riunendosi poco prima con il 130.
Il 6 scende a sx per andare ad attraversare il corso di acqua. Il sentiero si snoda all'interno di un bosco incredibilmente pulito e attraversa diverse volte il torrente prosciugato.
Si passano i ruderi della Casaccia e del vecchio mulino.
Le poche aperture lungo il sentiero sono sul Pizzo delle Saette o sulle pareti incombenti del Monte Croce e dopo circa un'ora troviamo un cartello che indica la chiusura del sentiero 137 diretto verso il Termine e Monte Croce causa frana tra l'altro ben visibile lungo il sentiero.
Dopo 1 ora e 17 minuti si giunge alla Foce di Petrosciana,confine tra la Versilia e la Garfagnana e un tempo questo sentiero era percorso anche dagli abitanti che si dovevano spostare da un versante all'altro.
Il panorama che si gode dal valico e' mozzafiato:di fronte la mole imponente del Procinto e dei Bimbi del Procinto,sulla sx i prati incredibilmente verdi del Croce,sulla dx il gruppo dell'Altissimo con la parete a strapiombo della Tacca Bianca e il mare che limita i confini.
Abbiamo percorso dal paese a qui 4km e 650 mt con un dislivello di quasi 400 mt che sono stati ben distribuiti lungo il sentiero.
A Foce di Petrosciana arrivono e partono diversi sentieri:il 6 prosegue il suo cammino verso Stazzema,a dx si va per Foce delle Porchette,mentre a dx troviamo il 110 per Arco del Monte Forato e Foce di Valli e 131 sempre per Foce di Valli.
La cartellonistica dice che il sentiero 110 e' EE e che per arrivare a Foce di Valli ci sono altre 2 ore e 20 minuti di cammino,mentre per il Forato ci attende un'altra ora di cammino.
Il sentiero inizia subito il suo cammino arrampicandosi per facili roccette e l'unico punto un po' esposto e' facilitato dalla presenza del cavo di appoggio:il panorama che si gode man mano che ci alziamo e' sempre piu' a 360* e la fatica viene ampiamente ripagata da questo spettacolo.
In alcuni momenti sembra quasi che le cime si ergano dal mare tipo Faraglioni di Capri...
Dopo circa 700 mt di cammino con un dislivello di 130 mt con un quato d'ora di cammino,arriviamo al bivio con la ferrata:il sentiero 110 prosegue sulla dx ed entra in un fresco bosco rivolto verso i dirupi della Garfagnana.
Prosegue a mezzacosta e quando pare che continui a diritto,il sentiero devia bruscamente a sx sotto le pareti del Forato,mantenendosi sempre nel bosco sempre a mezzacosta.
Quando la vegetazione si dirida,ecco che siamo ormai in vista dell'Arco:da Fornovolasco a qui abbiamo percorso 6,28 km in nemmeno 2 ore con un dislivello di quasi 700 mt e nessuna difficolta' oggettiva.
Sentiero sempre ben segnato da fare attenzione solo nei casi di pioggia recente.
Le parole non possono bastare per descrivere cosa si possa provare nel giungere in cima..quell'arco che si apre sul mare da una parte e sui monti dell'altra con pareti a strapiombo ovunque.
Il nostro sentiero scende leggermente,incrocia il 131 ma noi proseguiamo il nostro cammino lungo la Costa Pulita cosi chiamata perche' una serie di guglie da passare prive di difficolta' a strapiombo sulla valle di Cardoso di Garfagnana con i tanti paesini arrocati come casine del presepio.
Il sentiero entra ed esce dal bosco del versante della Garfagnana e avvicinandosi a Foce di Valli le pareti ammantate di verde della Pania assomigliano sempre piu' a un grembo materno pronto ad accogliere i suoi figli.
Queste sono le Apuane e le sensazioni che si provano mentre si percorrono..mentre sto scrivendo questo post ancora una volta nel giro di una settimana due vite umane hanno tributato il loro sacrificio.
Incidenti a volte inspiegabili che spesso capitano a gente espertissima..queste sono sua Maesta' Apuane.
Il tratto di Costa Pulita e' lungo 2,550 km con un dislivello relativo di appena 100 mt e il tempo di percorrenza e' stato pari ad 1 ora:da Fornovolasco abbiamo percorso quasi 9 km in 3 ore effettivo di cammino.
Dopo la meritata sosta,essendfo Foce di Valli un punto di collegamento tra Garfagnana e Versilia per l'accesso al gruppo Panie e ai rifugi Rossi e Mosceta,abbiamo preso il sentiero 130 con indicazioni Fornovolasco.
Il sentiero scende lungo i verdi prati della Garfagnana e praticamente per un tratto facciamo aritroso ma nel bosco piu' in basso il sentiero di costa Pulita.
Dopo circa 700 mt troviamo il bivio con il 131 ma noi logicamente proseguiamo sul nostro in un divertente carosello di continui cambi di direzione e con ampie ora aperture sul gruppo del Monte Croce.
Quasi in fondo al sentiero ritroviamo una fonte che ci appare come un miraggio e dopo il dovuto rifocillamento in breve arriviamo sulla strada che porta alla Grotta del Vento e da qui rientriamo velocemente al paese godendoci ancora lo spettacolo dell'Arco e del corso della Turrite.








Torrente Caraglione in secca per captazione acque



AQUILEGIA



MAGGIOCIONDOLO

FOCE DI PETROSCIANA MT 957.Importante snodo di sentieri sia sulla catena del Matanna o Monte Croce.
Lunghezza=4,65 KM
Dislivello=400 MT
Tempo di percorrenza= 1,17 MINUTI.
Sentiero percorso=6


Segnaletica CAI

Vedovella delle Apuane



Dalla Foce di Petrosciana a Foce Valli il sentiero si snoda su roccette di facile percorrenza.
In fondo la catena del Lieto e Gabberi,poi le guglie dei Bimbi del Procinto,poi il torrione del Procinto e per ultima la parete del Monte Nona.
Dalla Foce di Petrosciana il versante della Garfagnana e in fondo la catena appenninica Tosco Emiliano

Cime Apuane
Pertugio sotto le pareti del Forato





Particolare del sentiero 110



Dopo circa 1 km e 200 mt il sentiero 110 entr nel bosco ,mentre proseguendo avanti inizia il tratto di ferrata.
Panorama sul Corchia
Le pareti ammantate di verde 
del Monte Croce.




Ecco lo spettacolo dell'Arco e secondo me il B/N esalta ancora di piu' lo spettacolo

Donna Gianna verso la Croce:una volta arrivati alla Croce bisogna tornare indietro all'Arco per ritrova re il sentiero


Pausa alla Croce
Lieto e Gabberi

sentiero 110 detto di COSTA PULITA
Scenari che solo le Apuane sanno regalare
Verso il mare da Costa Pulita:sotto di noi i paesini di Pruno,Stazzema,Cardoso




Costa Pulita,Foce di Valli,Pania della Croce in fondo il Monte Corchia:tra la Pania e il Corchia ricordiamo il Rifugio Del Freo a Mosceta,ennesimo snodo di sentieri



In cammino


Donna Gianna,la Pania e dietro il Pizzo delle Saette



Foce di Valli
Lunghezza=8,72 mt
Dislivello=700 mt
Sentieri percorsi=6,110
Tempo impiegato =3 ore effettive escluso soste
Da Foce di Valli le Apuane Meridionali con la catena del Lieto e Gabberi

Siamo a 995 escursioni:contate rigorasamente dal lontano 7 Maggio 1989(logicamente di scarpe ne ho cambiate)
Il grembo della Pania





Da Foce di Valli verso Fornovolasco con le incombenti pareti del Croce che regalano in questo periodo splendide fioriture
Il sentiero dai prati entra in un bellis
simo bosco di faggi

In una gimkana di sentiero ora siamo nuovamente fuori e guardiamo la Pania




Bivio 130
Margherita
Fragoline di bosco






Riassunto tecnico
Lunghezza=12,75 km
Dislivello=700 mt
Sentieri percorsi=6,110,130
Tempo effettivo di percorrenza= 4 ore e 16 minuti.
Lunghezza sentiero 130=4 km
Tempo di percorrenza=1ora e 15 minuti



Da Fornovolasco.l'arco si mostra tra la vegetazione


Ecco la acque della  Turrite che scorrono impetuose tra le rocce.
Una via del paese.
Angoli del paese

cartellonistica