domenica 6 novembre 2016

VALLE DELL'ORSIGNA-RIFUGIO PORTAFRANCA

Un post diverso dal solito dal momento che questa escursione e' gia' stata descritta ampiamente in data 6 Gennaio 2012.Purtroppo le condizioni atmosferiche non ci hanno consentito di salire sul crinale essendo calata una fitta nebbia.Comunque siamo arrivati al Rifugio PortaFranca dove abbiamo potuto mangiare al coperto e assaggiare una discreta polenta con ragu'.
L'escursione parte a monte di Orsigna
precisamante a Case Corrieri ma l'au
to conviene lasciarla a Lavacchini 
appena sotto Case Corrieri.

Seguiamo inizialmente lo stradello nper 3,900 km immerso in una fitta faggeta dai colori decisamante autunnali quando troviamo sulla dx il bivio del sentiero 25 indicante Rifugio Portafranca.
Come si vede dalla foto,il sentiero mostra inizialmente una pendenza piuttosto accentuata ma la fatica viene ricompensata da una magica atmosfera autunnale complice una nebbiolina che ha esaltato e accentuato i colori autunnali.Pendenza che pero' accenna a diminuire senza mai creare alcun problema;segnavia sempre ben evidenti. 
Il sentiero 25 percorre un crinale secondario ma essendo una fitta faggeta non abbiamo alcuna panoramicita'.

Nell'immagine a fianco ecco un attimo di relax del gruppetto indomito in un tratto pianeggiante.Come detto il sentiero e' sempre ben evidente ma va prestata attenzione quando una falsa traccia ci fa scendere:noi dobbiamo proseguire sempre a diritto dove riprende a salire.
Quando iniziamo a vedere i primi abeti siamo ormai in vista del bivio del sentiero 5:qui vediamo Maria e l'appariscente Fabiola che sappiamo essere molto riservata.. 
Dopo 6 km dalla partenza percorsi in 1 ora e 40 minuti escluse soste arriviamo al bivio del sentiero 5 che lasciamo sulla dx mentre noi ci dirigiamo a sx verso il Rifugio.
L'immagine sottostante mostra appunto il bivio.
 Prima di arrivare al Rifugio le due fungaiole hanno effettuato il pitstop per pulire e nascondere quei due funghi porcini che casualmente erano finiti nel loro zaino....
 Eccoci al bivio successivo:la nebbia e' calata del tutto rendendo vano ogni nostro tentativo di salire verso la Fonte dell'Uccelliera-Monte Gennaio.
 Ecco il Rifugio che dopo tanti anni e' tornato ad essere un punto di riferimento per chi ama camminare e avere un punto di appoggio.Il rifugio si trova poi in un punto di collegamento tra diverse valli e permette ascese sulle cime circostanti.Dalla partenza abbiamo percorso 6,370 km in 1 ora e 45 minuti con 600 mt di dislivello.
Dal rifugio siamo tornate sui nostri passi fino al bivio del sentiero 5 dove la tabella mostra un tempo di percorrenza inferiore a quello che realmente sono necessarie.Questo sentiero che percorre la Valle dell'Orsigna e' denominata la Viottola e un tempo rappresentava la via di collegamento tra Bologna e Pistoia.Tratti  che anche con la nebbia rimangono suggestivi.
 Dopo circa 1 km troviamo il bivio con il sentiero 111 diretto verso la valle del Silla ma noi proseguiamo sempre sul 5 immerso nella faggeta sospesa tra i dirupi dell'Orsigna.
Sulla parte sx del sentiero ci sono pareti di roccia che bagnate dall'umidita' esaltano i colori del muschio che in questo versante e' molto rigoglioso.Il sentiero non mostra mai tratti difficili ed e' sempre ben segnalato e fino al bivio con il sentiero 101 diretto al Rifugio Monte Cavallo si mantiene in piano. 
 Rocce e faggi prostrati lungo il sentiero
 Attimi di pausa e consultazione delle mie amiche:il sentiero dopo il bivio inizia a scendere ma non mostra mai pendenze accentuate e il terreno e' notevolmente pulito facilitando la discesa.
 Lungo la Viottola ammiriamo tante opere d'arte di Madre Natura:in alcuni tratti abbiamo delle vere e proprie gallerie di faggi contorti e intrecciati fra di loro
 La Viottola altre immagini suggestive:tutto il sentiero e' lungo 8 km e lo abbiamo percorso in circa 2 ore e mezza escluse le soste.
 Cartelli esplicativi della Valle dell'Orsigna
 Tra castagni e faggi le fatine colorate del bosco
 Unica apertura del giorno e noi la immortaliamo immediatamente:siamo ormai in vista delle prime case di Case Aldria.Dopo l'attraversamento di questa suggestiva faggeta arriviamo tra le case dove troviamo ospitalita' con assaggi di torte che non disdegniamo.Il sentiero prosegue poi all'interno di un bel castagneto e dopo circa 20 minuti arriviamo sulla strada:a sx vediamo il campanile di Orsigna mentre noi proseguiamo sull'asfalto:purtroppo sono quasi 3 km.Nel caso si viaggiasse con piu' macchine conviene lasciarne una a Casa Corrieri e l'altra a Orsigna.
DATI TECNICI
LUNGHEZZA=16 KM
DISLIVELLO=600 MT
TEMPO IMPIEGATO=4 ORE E 18 MINUTI
SENTIERI PERCORSI=STRADELLO FORESTALE,SENTIERO 25-00-5
CONDIZIONI METEO=NEBBIA
RIFORNIMENTO IDRICO=AL RIFUGIO




Nessun commento:

Posta un commento