martedì 22 maggio 2012

ANELLO MONTE TIRAVENTO

Salve!!In attesa che la mia amica Gianna rinsavisca dedicando piu' tempo alle camminate(scherzo ma non tanto)e che Giove smetta di annaffiare i giardini terrestri,come un tempo usava l'intervallo con le pecorelle,cosi' metto in onda una trekkingata sui crinali di Premilcuore che tanto per cambiare sono romagnoli!!!Prometto che prossimamente pubblichero' escursioni anche su altre zone come le Apuane e Appennino Emiliano!!!!!!
Anche in questa occasione non ci siamo smentite:le donne sono il pezzo forte della societa'!!!Chi mai si metterebbe in cammino sapendo che Giove aveva per l'appunto deciso di rivolgre le sue attenzioni proprio su quella zona????????In fondo Premilcuore non e' mica una localita' cosi' rinomata.........
Per farla breve le ancelle che hanno lanciato la sfida e puntualmente persa sul punto di vista metereologico,ma non su quello morale e fisico sono state:ANNA,GIANNA,PAOLA,SIMONETTA!
Percorso che riserva punti notevoli e anche passaggi non proprio facili sopratutto se effettuato dopo giorni di pioggia,d'obbligo la sosta al ponte poco prima di arrivare in paese e sempre se in vantaggio con il tempo un piacevole bagno sul fiume riportera' la mente ai tempi del passato quando il fiume rappresentava la vacanza per tante persone.

 TANTO AVEVANO GUFATO CHE ALLA FINE PIOVVE
 A NOI LA PIOGGIA FA UN.....BAGNO
DATI TECNICI
LUNGHEZZA PERCORSO=KM 18
ORE PERCORRENZA EFFETTIVE=5 ORE
DISLIVELLO COMPLESSIVO=700 MT
D'INVERNO IN CASO DI PRESENZA DI GHIACCIO IL PERCORSO PRESENTA PUNTI DI PASSAGGIO PERICOLOSI SOPRATUTTO DOPO IL MONTE ARSICCIO E FINO ALL'INCROCIO DELLO STRADELLO FORESTALE DOPO IL CRINALE DEL MONTE TIRAVENTO,.
                            DESCRIZIONE PERCORSO
Prima di iniziare a descriver il percorso,volevo raccomandare di fermarsi a Dicomano in piazza per degustare una piacevole colazione nella pasticceria e poi per chi non avesse voglia di prepararsi i panini c'e' un ottimo fornaio che prepara dei fantastici panini oppure delle schiacciate ripiene da GRAN GOURMET!!!!!
Il percorso inizia vicino all'agriturismo CA' RIDOLLA poco sopra il paese di Premilcuore e tornati leggermente indietro a sx parte il sentiero sempre ben segnalato Monte Arsiccio e inizia a salire con una serie di comodi tornanti circondati da un bosco di pini e dopo circa 40 minuti si giunge nei pressi dei ruderi della casa del Monte Arsiccio.
LE DONNINE



CRINALE CON MONTE TIRAVENTO DI FRONTE

Si continua a salire sempre su cresta tra affioramenti rocciosi con tratti meno ripidi su terreno di arenaria con vasti panorami sul Monte Gemelli(alle nostre spalle) mentre sulla dx si apre sul profondo vallone di Ca' dell'Orto.
In breve si raggiunge una sella erbosa dove troviamo il bivio che allunga il percorso ma che permette di evitare nelle giornate non particolarmente favorevoli,il sentiero di crinale che persenta punti con un'esposizione degna delle vette sacre delle Apuane.
L'ARENARIA 

LA POVERETTA

?????????????????????????????

un passaggio degno delle grandi vette



CLANDESTINE 
il sentiero procede su tratti assai tranquilli dentro al bosco per giungere ad una confluenza di sentieri in una fitta abetaia che si e' rivelata utile per una breve sosta in attesa dell'ultimo strappo prima di uscire sul crinale del Tiravento.(dalla partenza alla cima sono trascorse circa 2 ore e 30 minuti tenendo presente le soste e un passo non sempre in sintonia con la maggioranza del gruppo della nostra amica che da 20 anni sostiene che va bene il suo di passo mica il nostro).
Qui troviamo il sentiero sulla sx il sentiero proveniente da Torre di Montalto.

E TORNARONO A RIVEDER?????NEBBIA



LA DISCESA DELLA  GOBBA DI  SCANDICCI

PENSIERO PENSIEROSO

VANITA' FEMMINILE

La discesa in caso di pioggia va affontata con estrema attenzione trattandosi di roccia molto friabile e prosegue in direzione sud per circa 1 km seguendo una cresta marnosa-arenaria con piacevoli ed emozionanti saliscendi tra i cucuzzoli di arenaria:di fronte a noi la vetta del MONTE LA FRATTA che pero' non va raggiunta in quanto terminato il crinale sbucando sullo sradello forestale,si prosegue sulla dx evitando appunto la cima.
FINALMENTE SI SCENDE

TIRAVENTO

AL RIPARO


CHE GIOIA L'UOVO!!!!


CHIACCHIERE

Arrivati in prossimita' del bivio Montemerli/Ca' Petriccio viste le avverse condizioni meteorologiche abbiamo deciso di uscire dal sentero per raggiungere velocemente il rifugio della forestale per fortuna aperto con una stanza con il caminetto dove oltre a recuperare le calorie perse ci siamo asciugate e tirare via l'umido che rischiava di farci inteccherire!!!!!!!


IO E LE 3 VITTIME SUL PONTE DELLA GIUMELLA

FORRA



LA GIUMELLA

ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA
Tornate sui nostri passi abbiamo proseguito per il sentiero che dopo aver superato la sella prativa del MONTE MOGGIO(997MT) conduce alle rovine di MONTEMERLI  e in discesa in un fitto a tratti bosco di carpini dopo circa un'ora sul fondovalle del fiume Rabbi nei prssi di Ca' Petriccio e invece di attraversare un ponticello si prosegue sul fondovalle accompagnate dal fragore delle acque che ci preannuncia l'arrivo sul PONTE NUOVO in localita' GiumellaQui un poderoso arco sopra la "Grotta Urlante"dove l'acqua del fiume Rabbi si riversa in questa forra con salti e con 2 pozze racchiuse tra rocce:SPETTACOLARE!!!!!
Da qui alla macchina all'agriturismo ci abbiamo messo 15 minuti compresa la breve salitella che riporta alla macchina!!!!!!!


Nessun commento:

Posta un commento