domenica 29 novembre 2015

RIFUGIO MONTE CAVALLO 11 NOVEMBRE 2015

Case Calistri:siamo alla partenza del sentiero 105 che seguiremo fino al crinale di Pian dello Stellaio:tale escursione non era stata programmata ma a causa della battuta di caccia a Granaglione,onde evitare di essere impallinati abbiamo cambiato programma ma come sempre queste valli non deludono.
Lungo il sentiero
Dalla valle del Randaragna il crinale dell'Orsigna
Grazie all'inversione termica godiamo di giornate incredibilmente serene mentre la piana e' sotto una fitta coltre di nubi
Il castagno ha lasciato il posto ad una fitta abetaia lungo la quale corre il sentiero sempre ben ottimamente segnato
Siamo al termine del sentiero 105 e ci dirigiamo verso il Rifugio Monte Cavallo.Siamo sulla sella fra il Monte Toccacielo ed il Monte Pianaccetto(1439 mt) che si raggiunge in breve seguendo il crinale
Passo delle Tre Croci panorama sulla Valle del Reno

Crinale del Monte Cocomero

Quota 1230 mt:Pordana bivio sentiero 141 che collega a mezza costa Pacchioni al Rifugio Monte Cavallo
Monte Pianaccetto
Inizio della discesa del sentiero 101 verso il Rifugio:discesa che non presenta problemi ma durante la stagione invernale se innevato va percorso con cautela essendoci dei tratti stretti a dirupo.Ecco Fabiola elegante nella discesa..
L'abetaia e' preludio del Passo delle Tre Croci-Rifugio Monte Cavallo:
Siamo a Nibbio-Poggio:il sentiero ora lascia l'asfalto ed entra nel borghettino posto sul cucuzzolo che domina la Valle del Randaragna
Che atlete-che gambe-Omsa che gambe....
Le Tre Croci di legno atte a rappresentare il detto Passo.
Zona di snodo di sentieri che collegano la valle Orsigna-Randaragna a quella della Porrettana.
Inizia la discesa verso Nibbio sul sentiero 153:lungo la strada torveremo dei segnavia 153\A ma noi seguiremo sempre l'asfalto non trafficato

Il campanile di Poggio
Da Poggio il crinale del Pian dello Stellaio:crinale raggiungibile anche dalla Valle del Silla-Monte Acuto delle Alpi
Sempre nel mezzo come il prezzemolo....
Da Nibbio il sentiero dopo un tratto di ulteriore asfalto,entra nel castagneto e scende fino al Rio Muraglio dove un ponte in arcata e le cascatelle rendono pittoresco il tratto.Siamo ormai in vista di Case Calistri
Dopo il ponte e con un giro in senso orario in leggera salita si sbuca dopo circa 15\20 minuti a fianco del cimitero di Calistri.Da qui si scende con strada asfaltata alla chiesa
DATI TECNICI
LUNGHEZZA=12,11 KM
DISLIVELLO=660 MT
SENTIERI PERCORSI=105-101-153
TEMPI DI PERCORRENZA=3 ORE E 22 MINUTI +2 ORE DI SOSTA
RIFORNIMENTO IDRICO=AL POGGIO
CONDIZIONI METEO= SERENO CON NEBBIE NEL FONDOVALLE

DATI TECNICI-TEMPI FRAZIONATI
CASA CALISTRI-BIVIO 141=2,56 KM IN 56 MINUTI
BIVIO 141-101=3,33 KM IN 1 ORA E 15 MINUTI
101-RIFUGIO MONTE CAVALLO=5,200 KM IN 1 ORA E 42 MINUTI CON 53 MINUTI DI SOSTE
STRADELLO-POGGIO=8,800 KM IN 2 ORE E 29 MINUTI
POGGIO-CASA CALISTRI=12,11 KM  
DESCRIZIONE SENTIERO
Parcheggiata l'auto nella piazzettina del borgo arroccato sui dolci pendii della valle del Randaragna,saliamo per stradina pedonale attraversando le case e poco dopo il sentiero entra nel castagneto sempre ben segnato.
Seguendo la direzione NE,il sentiero attraversa il castagneto a serpentina e progressivamente che saliamo di quota,il castagneto si dirada e segue una linea di crinale mostrando ampi panorami sulla Valle dell'Orsigna.
Dopo circa 40 minuti il castagno lascia il posto ad una fitta abetaia lungo la quale corre il sentiero:qui la pendenza e' piu' accentuata e quando l'abetaia lascia a sua volta il posto al faggio,siamo al bivio del sentiero 141 diretto sempre al Rifugio Monte Cavallo ma mantenendosi a mezzacota.
Noi invece proseguiamo sempre con il 105 e da qui fino al crinale,il sentiero si manterra' su una cresta di crinale secondario ma dalla pendenza notevolmente accentuata...in nemmeno 1 km si supera un dislivello di 200 mt.
Questo tratto se nelle stagioni buone non presenta difficolta',con la neve potrebbe rappresentare qualche problema e va affrontato in salita dal momento che presenta dirupi ed essendo ripidoso il sentiero,e' meglio sempre affrontarlo in salita.I panorami sono superbi e compensano dalla fatica.
Dopo circa 20 minuti si arriva alla sella del crinale dove il 105 si aggangia al 101 proveniente da Pian dello Stellaio:siamo nel crinale che divide la Toscana dall' Emilia-Valle del Randaragna sulla dx,Valle del Silla sulla sx.E' un tratto di crinale che seppur non molto panoramico e' assai suggestivo:i rami dei faggi sembrano toccare il cielo...siamo infatti nel crinale Stellaio-Toccacielo.
In breve raggiungiamo la ciam piu' alta,Monte Pianaccetto(1432 mt) e iniziamo la nostra discesa verso il Cavallo che raggiungiamo dopo circa 30 minuti tra un faggio e un abetaia.
Tre Croci di legno rappresentano simbolicamente il passo punto di snodo di sentieri provenienti sia da Porretta che dai numerosi borghi arrocati sulla valle del Reno.Anche qui suggestivi panorami di una nebbia che ricopre come un mare la piana di Pistoia.Il rifugio del Monte Cavallo nei giorni feriali e' chiuso ma indubbiamnete merita una sosta nei giorni di apertura.
Riprendiamo il nostro cammino lungo l'asfalto sul sentiero 153 ed e' un cammino piacevole tutto solatio:dopo circa 3 km arriviamo al Poggioe il sentiero lascia l'asfalto ed entra nelle strette viuzze di questo incantevole borgo affacciato sulla Valle del Reno e del crinale dello Stellaio.
Dopo una sosta e un rifornimento idrico riprendiamo il cammino all'interno di un bosco sorprendentemente ancora in foglia e dopo aver riattraversato l'asfalto troviamo il sentiero che si addentra nel bosco per scendere al Rio Muraglio dove ci aspetta sorprendenti cascatelle.
Il sentiero ora riprende a salire e dopo circa 20 minuti si giunge al cimitero di Case Calistri e di qui alla piazzetta il cammino e' breve.       

Nessun commento:

Posta un commento