giovedì 17 dicembre 2015

CIMA TAUFFI DALLA DOGANACCIA STAGIONE INVERNALE 2015

Lasciata l'auto al parcheggio della partenza degli impianti della Doganaccia,sotto l'arrivo della funivia,ci incamminiamo lungo i bordi della pista approfittando della loro chiusura causa mancanza di neve e anomale temperature.
Per inaugurare la stagione invernale alla Gianna abbiamo per un breve tratto messo le ciaspole che ci hanno aiutato nel tratto di pista in rapida ascesa.
Dopo circa un km siamo arrivati all'incrocio del sentiero che proviene dalla Doganaccia e abbiamo seguito le vecchie indicazioni per la Croce Arcana,lasciando sulla dx il sentiero che sale allo Scaffaiolo.
Ecco il panorama verso lo Spigolino-Cupolino:se una settimana prima era inondato dalla neve,ora tornano i prati scoperti...

Poco dopo il sentiero sbuca sullo stradello che porta alla Croce Arcana e qui abbiamo forzatamente tolto le ciaspole dal momento che...
Come era verde la mia erba...sigh sigh sigh.

Dopo 2 km e 300 mt arriviamo al passo dove il panorama volge il suo sguardo verso il crinale che unisce la Croce Arcana al Monte Cimone lungo un carosello di vette ed esili fili di cresta che pero' non presentano difficolta' oggettive.Logicamente durante la stagione invernale la cresta va percorsa con cautela e con l'uso dei ramponi.
Lo sguardo volge  a sx sul crinale che da Pian di Novello corre verso la Foce di Campolino:anche qui la situazione della neve e' critica.
Zoommata sui contrasti di Madre Natura....Immagini scattate con Nikon D 7000 con obiettivo 18-105
Per la nota proprieta transitiva,se uno scatta,le altre non sono di meno...morale della favola ....foto uguali...
Eccoci sul Passo con relativa segnaletica che in questa zona sfiora il ridicolo dal momento che indicano tempi di percorrenza diversi per raggiungere pero' la stessa meta..

Questi sono invece i segnavia CAI i cui tempi di percorrenza per il Libro Aperto sono inferiori di un'ora rispetto a quelli dell'ALTA VIA DEI PARCHI
Dalla Croce Arcana ecco sullo sfondo il crinale dei Monti della Riva che dal Lago di Patrignano sale verso lo Spigolino o il Rifugio del Lago Scaffaiolo.
Sempre dalla Croce Arcana e' visibile il crinale del Montovolo e Monte Vigese conosciuto come il monte degli scalpellini.Bellissimo e suggestivo e' il percorso che dalla Scola di Vergato sale alla cima di Montovolo.Qui e' presente una piccola Via Crucis atta a ricordare la tragedia dell'aareo caduto su una scuola che provoco' la morte di 13 ragazzi.
Dalla Croce Arca na seguiamo le indicazioni per Libro Aperto e il sentiero inizia a salire per poi mantenersi sulla linea di crinale.Unico tratto che puo' presentare qualche difficolta' e' quello che dalla Cima Tauffi sale verso il Libro Aperto.
Ecco sullo sfondo la cima del Monte Cimone raggiungibile dal Libro Aperto con un percorso di circa 3 ore interamente panoramico e privo di difficolta'.
Ecco le fanciulle lungo il sentiero con le ciaspole mestamente riposte sullo zaino.
Come tutti i crinali anche questo e' un saliscendi che presenta tratti di notevole ascesa ma sempre privi di difficolta'.
Il crinale divide la Valle di Rivoreta(toscana) da quella di Ospitale(Emilia Romagna) in questo tratto.

Immagine suggestiva di Fabiola che risale un altro tratto di crinale:il versante emiliano presenta un maggior innevamento.
Crinale:tratto Cima Tauffi -Monte Cimone

Ecco il tratto di crinale che presenta qualche difficolta' per chi soffre di vertigini ma in ogni caso ci si puo' mantenere bassi.
Qui invece le compagne si sono cuffiate e cosi' il cammino e'in compagnia di gufetta e lupetta...
Dopo circa 5 km in poco meno di 2 ore effettive e quindi escluse le soste,siamo al Colle dell'Acqua Marcia:da qui possiamo scendere verso il Rifugio Capanna Tassoni oppure proseguire verso la Cima Tauffi e raggiungere sempre il Rifugio attraverso il Passo del Colombino.Sono le 14 e decidiamo cosi di ritornare sui nostri passi e rimandare l'anello per un'altra excursione.Si prospetta un tramonto da urlo.
Se prima eravamo scese,ora risaliamo ..le immagini sono le stesse ma gli occhi le vedono in maniera diversa..emozionante,sublime spettacolare,palpitante e' l'animo...
Ebbene si ci balocchiamo pure e ci permettiamo un telemark...

Quelle nuvole che la mattina lambivano lievemente il crinale ora sul far della sera si alzano rendendo unico lo spettacolo e la macchina fotografica si esalta in un tripudio di colori vette e crinali dai contrasti fortissimi....
Per una pura illusione ottica siamo alti come le nebbie.

Queste immagini non hanno bisogno di essere commentate...alla prossima...
E TORNARONO A RIVEDERE LE STELLE...
L'escursione e' stata effettuata il 1 Dicembre 2015 in una fantastica giornata di un inverno che non conosce volto..dal piazzale degli impianti della Doganaccia raggiungibile da Cutigliano con la macchina in nemmeno 10 km di strada,alla Cima Tauffi l'escursione e' lunga a/r 11 km con un dislivello di 300 mt e non presenta alcuna difficolta'...dal Colle dell'Acqua Marcia possibilita ' di un anello passando dal Capanna Tassoni e risalendo la Schiena dell'Asino fino alla Croce Arcana..
Con una giornata cosi sinceramente i tempi sono falsati dal momento che numerose sono state le soste per gli scatti... 

Nessun commento:

Posta un commento