martedì 9 dicembre 2014

ANELLO DI POGGIO VALICAIA COLLINE DI SCANDICCI

 Le colline a sud di Firenze riservano angoli particolari che si prestano a tutti i tipi di escursione:da poche ore ad un'intera giornata e quasi sempre si cammina immersi nel bosco mediterraneo come increduli che a pochi passi dalla citta' si possa godere di certi ambienti.
Non bisogna dimenticare che fino a qualche anno fa Scandicci mostrava un'aspetto a dimensione vivibile ma con il progresso gran parte della campagna che lambiva la parte sud del comune e' stata risucchiata da capolinea della Tramvia e terza corsia dell'autostrada;per non parlare delle zone che in passato erano denominate sulle cartine ORTI DI FIRENZE.
POSTEGGIO AUTO

PRIMO BIVIO A SX

PANORAMA SU MOSCIANO

MURETTO IN PIETRA

PANORAMA SU GIOGOLI

SECONDO BIVIO:SI VA A SX IN DISCESA.

Le stesse denominazioni delle vie fanno capire come fosse in passato:Via del Pantano,Viuzzo della Marzoppina,Viuzzo della Dogaia,Via della Pieve,Via della Lavanderia,Via dei Fossi...
Questi nomi oggi sono stati sostituiti con Via Pace Mondiale,Via de Andre...come se il Comune avesse voluto rinnegare il passato..per fortuna che per ora l'ambiente collinare in un certo senso e' stato rispettato anche se la salita che dal Lago di Chiesanuova portava a Poggio Valicaia e' stata risistemata per far si che l'edificio ristrutturato ai piedi del Parco possa essere raggiunto con le macchine dai proprietari dell'immobile.
SEGNAVIA

TRATTO DI MULATTIERA

SENTIERO NELLA TIPICA MACCHIA MEDITERRANEA

IN PROSSIMITA' DEL LAGO DI CHIESANUOVA(SULLA SX)

STRADELLO CHE COSTEGGIA IL LAGO DI CHIESANUOVA

DESCRIZIONE PERCORSO
Il percorso che mi accingo a descrivere e' una parte di quell'anello che si puo' effettuare partendo ai piedi delle colline.
Noi abbiamo lasciato la macchina dopo la Chiesa di Casignano,raggiungibile dal Vingone e abbiamo preso in discesa lo sterrato che subito dopo abbiamo lasciato per salire sulla sx,lungo la Via del Cimitero di Casignano,costeggiando sulla sx la Villa Fanfani mentre sulla dx ogni tanto l'oliveta permette la visione sulla piana di Firenze:nelle giornate terse si ammira il Duomo di Firenze adagiato nella conca di Monte Morello.
Dopo un breve scollinamento arriviamo ad un bivio,noi andiamo a sx,mentre proseguendo a diritto troviamo la mulattiera dalla quale scenderemo al ritorno.
3 BIVIO:SI VA A SX,SE AVESSIMO PROSEGUITO SULLO STRADELLO SAREMMO GIUNTI SOTTO POGGIO VALICAIA

PER UN AUTUNNO BIZZARRO,LA QUERCIA E' SEMPRE VERDEGGIANTE

CARRARECCIA DOPO IL 3 BIVIO TRA UNA GALLERIA DI OLIVI MESTAMENTE MALATI

CUBA SUL SENTIERO

PARTICOLARE DEL SENTIERO

 Ora il panorama e' sulle colline di San Casciano e Montespertoli lungo un tratto misto a mulattiera e carrareccia tra cipressi e corbezzoli e lecci.
Dopo circa 2 km arriviamo in vista del Lago di Chiesanuova e iniziamo a salire lungo lo stradello che un tempo era un selciato:la pendenza non e' mai eccessiva e quando arriviamo ad una curva,si tralascia lo stradello che continua a salire sulla dx,andando sulla sx lungo una zona di coltivi e oliveti.
La traccia e' sempre bene evidente e sulla nostra dx abbiamo i boschi della Roveta,si prosegue scendendo sempre lungo il campo per poi risalire incrociando sulla sx il sentiero che sale dal borro per arrivare infine sullo stradello che viene dalla Romola e sale a Poggio Valicaia.
Attraversato lo sterrato proseguiamo a diritto lungo una traccia ben eviedente che dopo una curva gira a sx e mantenendosi parallelo allo sterrato attraversato poco prima,si mantiene in piano fino ad una colonica dove giriamo a dx costeggiando sulla dx un'ennesima oliveta mentre sulla sx abbiamo la strada che sale dalla Romola.
SIMO IN VISTA DELLO STRADELLO CHE DALLA ROMOLA SALE A POGGIO VALICAIA.LO ATTRAVERSIAMO E ANDIAMO A DIRITTO

LO STRADELLO VERSO POGGIO VALICAIA

SUL SENTIERO DOPO L'ATTRAVERSAMENTO DELLO STRADELLO

SENTIERO

CUBA CI MOSTRA LA DIREZIONE(VERSO LA ROMOLA)

Fatto un centinaio di mt individuiamo sulla dx una carrareccia che scende:la percorriamo e in breve entriamo nel bosco di leccio in discesa in un tripudio di ciclamini.
Il sentiero e' sempre ben tracciato e dopo aver attraversato il borro,si mantiene dapprima in piano e poi lentamente riprende a salire.
Salita che porta sullo sterrato che da Gabbiola scende verso i Golli:noi andiamo a dx e arriviamo in vista dell'edificio in fase di ristrutturazione di Gabbiola e proseguendo sempre in salita su traccia di mulattiera,giungiamo sullo stradello che da Via delle Croci porta al Parco di Poggio Valicaia che seguiamo fino all'ingresso del parco.
CUBA IN CAMMINO TRA LA MACCHIA

LA CARRARECCIA DA SEGUIRE TRA OLIVETI E CIPRESSI

QUARTO BIVIO:SI VA A DX E SI INIZIA A SCENDERE

VERSO IL BORRO:UN TRIPUDIO DI CICLAMINI

DOPO IL BORRO,IL SENTIERO SI MANTIENEIN FALSOPIANO

Qui lasciamo l'edificio sulla sx e andiamo a dx lungo il posteggio in fondo al quale troviamo una sbarra che aggiriamo e proseguiamo dapprima in piano e poi in discesa.
Da stradello il sentiero si restringe e prosegue il suo cammino tra bassa vegetazione e in breve giungiamo in vista del Lago di Casignano o San Zanobi.
Sempre in discesa arriviamo allo slargo dove troviamo la Cappella di San Zanobi meta di pellegrinaggio il 10 Maggio quando si festeggia il Santo e la cappella viene aperta ai fedeli.
ECCOCI SULLO STRADELLO CHE DAI GOLLI SALE SULLA STERRATA DELLA POGGIONA(POGGIO VALICAIA).NOI ANDIAMO A DX IN SALITA

OLIVETA

ECCOCI IN LOCALITA' GABBIOLA

DA GABBIOLA ALLO STERRATO DELLA POGGIONA SONO 500 MT IN LIEVE ASCESA

POGGIO VALICAIA

Alla Cappella si scende su mulattiera a sx,proseguendo invece a dx in salita arriveremmo  a Poggio Valicaia,e dopo circa 1 km arriviamo ad un cancello tralasciando sulla sx un sentiero che sale.
Passato il cancello,proseguiamo in discesa sempre su mulattiera e in breve arriviamo al bivio della partenza e da qui alla macchina.
L'anello descritto e' lungo 10 km non presenta eccesivi dislivelli e puo' essere effettuato anche in MTB percorrendo un anello anche molto lungo e assai remunerativo dal punto di vista delle ruote grasse. 
DA POGGIO VALICAIA SI VA A DX OLTRE LA SBARRA

DOPO UN TRATTO IN PIANO IL SENTIERO IN DISCESA SULLA DX

SUL LAGO DI CASIGNANO

CAPPELLA DI SAN ZANOBI,SANTO PROTETTORE DI SCANDICCI.OGNI ANNO IL 10 MAGGIO SI SVOLGE IL PELLEGRINAGGIO

SI PASSA IL CANCELLO,SI SCENDE 100 MT E RITROVIAMO IL SENTIERO DEL SECONDO BIVIO

Nessun commento:

Posta un commento